L'arte dell'incontro PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Novellino   
Venerdì 03 Luglio 2015 02:35

 

L’ARTE DELL’INCONTRO di FABIANO SPESSI

 

Milano è calata nel suo sonno agitato. “Tu/nel tuo letto sogni/un nuovo inizio/ e persino/le risate/ della cena dei vicini/sembrano/una musica perfetta.” E al mattino riprendi a giocare a carte scoperte. Allora continua la tua quotidiana applicazione all’ineluttabile arte dell’incontro. Volti, azioni, rituali del lavoro, ansie, speranze, illusioni si intrecciano e danno forma a quel corpo pulsante di cui tutti siamo le cellule. In quella metropoli lombarda, che è una città come un’altra.

Nella poesia di Fabiano Spessi, la milanesità è discretamente avvertita; fa da sfondo e nello stesso tempo caratterizza le esperienze e gli incontri degli esseri umani che vi sono radicati. Ma il filobus 91 potrebbe percorrere le vie di Roma o di Londra. Claudia che “…esce di casa/con gli occhi gonfi/ e un fazzoletto rosso al collo/prende la metro/in direzione Gessate/per l’ennesimo/colloquio di lavoro…” potrebbe andare in una direzione con nome diverso, tanto “…scende prima/della fermata prevista/e si inoltra/per le strade/di un paese/che non conosce”, e ciò che ritrova, alla fine, è l’esile ma essenziale amicizia con la vita… e con l’estate.

Quelli che si muovono nello scenario poetico di Fabiano sono personaggi osservati per strada e in interni, incontrati realmente ma anche usciti dall’immaginazione. Colpiscono il lettore perché sono ritratti nel momento in cui qualche cosa di esterno a loro ne illumina la condizione esistenziale, mettendoli in rilievo sulla massa urbana. Allora la persona viene a contatto con il proprio simile e scorge in lui l’immagine riflessa del proprio io, e quindi coglie, in un istante tanto breve quanto illuminante, il volto vero della comune essenza umana, che è appunto sottoposta all’esercizio continuo dell’incontro. A volte, invece, è lo stesso poeta che, osservando qualcuno (e la città), anche nella semplice e banale routine quotidiana, sperimenta quella specie di illuminazione che gli permette di dire che la vita è sempre un’incredibile esperienza (unica e irripetibile), degna di essere accettata e testimoniata.

L’autore non esprime tutto questo con linguaggio ricercato, con toni poetici alti o d’effetto. I suoi versi stanno a metà strada tra la poesia e la prosa, sono espressi con un affabile distacco e non di rado con sottile umorismo. A tratti raggiungono vette di notevole lirismo, oppure si dispiegano con una discorsività volutamente dimessa ma proprio per questo efficace nel cogliere e descrivere gli aspetti più reconditi o trascurati del reale, che sono quelli, poi, che risultano i più veri.

Alla fine, il lettore scopre di avere visitato una galleria di personaggi davvero suggestiva. Essi sorprendono e invitano a meditare sul fatto che la vita è in definitiva questo continuo dedicarsi all’arte dell’incontro, dell’apertura, dell’accoglienza e, dunque, dell’amore.

Quella di Fabiano è una poesia che potremmo definire minimalista, incisiva, problematica, a volte straniante, non scevra di un certo impegno politico (nel senso lato) a favore di un’umanità che, pur essendo quella che è, dovrebbe coltivare la forza interiore per migliorarsi.

 

Giuseppe Novellino

 

 

 

 

 

 

 

Disponibile su Libreria Universitaria.it

 

http://www.libreriauniversitaria.it/arte-incontro-spessi-fabiano-italic/libro/9788898505845?a=415021

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information