Mara conta i passi PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Novellino   
Domenica 13 Aprile 2014 01:32
 
MARA CONTA I PASSI di VALENTINA MORELLI 
 

Mara Carbone è una ragazza timida, sfoggia una vistosa capigliatura fulva e dimostra un’inclinazione naturale per la matematica. Quando alcuni bulletti la prendono di mira, lei se la dà a gambe e controlla l’angoscia recitando a voce alta la tabellina del tre. “La matematica è la soluzione, perché niente come la matematica riesce a mettere la paura in pausa”. Il trucco glielo ha insegnato il professor Barbieri, eccentrico ma tenero zio che poi finirà a sposare un’antipatica Jole che assomiglia a Patty Pravo.

Mara cresce, organizza la sua vita tra gli studi universitari e un lavoretto presso il ristorante “Pesce” di Luigi e Teresa, dove di pesce non si vede nemmeno l’ombra, trattandosi piuttosto del cognome della coppia. Condivide un appartamentino con Carla, studentessa di filosofia, e amoreggia con Filippo. Mara, insomma, è una ragazza come tante.

Un bel giorno la sua attenzione cade sulla parete di cucina, dove campeggia una macchia di muffa. Si mette a esaminare l’astrusa chiazza con l’idea di capirne l’intima struttura. Forse esiste un procedimento non euclideo per decifrare il senso delle forme casuali e delle cose comuni che ci circondano; forse esiste davvero una quarta dimensione, capace di rivoluzionare la nostra decodificazione del mondo. Lo zio le dà corda, così pure il preside della Facoltà. L’impresa diventa un’ossessione. I calcoli di Mara hanno del sorprendente e potrebbero portarla lontano, addirittura oltre oceano.

Purtroppo ci si mette di mezzo un tragico destino, che unisce quello della ragazza a quello zio matematico. L’equilibrio psichico dei due è fragile e messo a dura prova dagli avvenimenti. La possibilità di decifrare l’informe disegno (la macchia sul muro) si dimostra una chimera. Che sia il simbolo dell’impossibilità reale di controllare la propria mente, la propria psiche... e infine la vita?

La narrazione si snoda con una modalità quasi diaristica, utilizzando una prosa semplice, lucida, incisiva. Il punto di vista prevalente è quello di Mara, attraverso il quale il lettore riesce a cogliere l’ineluttabilità di un dramma che si annuncia fin dalle prime pagine, là dove la protagonista scopre l’angoscioso iato tra la perfezione rassicurante dei numeri e il caos della quotidianità. La lettura è piacevole, sorretta anche da una notevole suspense.

La vicenda di Mara si avvia verso l’inevitabile conclusione in un microcosmo di spazi, oggetti e persone che alla fine si presentano come gli elementi di una indecifrabile esistenza. Si tratta di un romanzo piccolo (per numero di pagine) ma intenso e a suo modo profondo, anche se non brilla per originalità. Dovrebbe appassionare il lettore particolarmente sensibile alle problematiche psicologiche. E anche se la vicenda si colloca alla fine degli anni ’70, le tematiche che presenta sono attualissime.

 

Giuseppe Novellino 

 

 

 

 

 

 

 

Autore: Valentina Morelli

ISBN: 8895068300

Pagg. 140 – Euro 13,90

Editore: I Sognatori

Anno: 2013

Genere: Narrativa  

 

 

Disponibile su Libreria Universitaria.it

http://www.libreriauniversitaria.it/mara-conta-passi-morelli-valentina/libro/9788895068305?a= 415021

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information