Home Parliamo di... Animali, natura e ambiente La leggenda del Ponte dell'Arcobaleno
La leggenda del Ponte dell'Arcobaleno PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinzia Baldini   
Domenica 30 Dicembre 2012 12:48

Navigando sul web ho trovato questa leggenda, attribuita ai nativi americani, che ritengo bellissima e che voglio condividere con i lettori di Art Litteram.

Perchè non illudersi che ci sia davvero un luogo così per tutti i nostri amici animali? Sia per quelli con cui abbiamo condiviso gran parte della nostra vita e che sono stati amati, rispettati e trattati da esseri viventi e senzienti, sia per quelli "che non hanno avuto voce" e che per molti, purtroppo, sono invisibili. Mi riferisco a quelli martirizzati nei laboratori che praticano la vivisezione e per le pellicce, a quelli che restano vittime di incidenti stradali e sono lasciati a morire per strada, a quelli sacrificati per assurde pratiche religiose, sessuali o per qualsiasi altra porcheria la mente disumana degli uomini è capace di partorire.

Spero e mi auguro che un giorno non troppo lontano e magari quando non sia troppo tardi l'uomo rispetti se stesso e tutte le altre forme di vita che la natura ha creato.

Ringrazio personalmente l'anonimo/a scrittore/ice e utilizzo anche l'immagine dolcissima (presa da FaceBook) che l'accompagna e di cui non riesco a leggere la firma dell'artista (ma che se contatta la redazione avrò il piacere di citare).

Buona lettura:

 

                                LA LEGGENDA DEL "PONTE DELL'ARCOBALENO"

 

C'e' un posto in Paradiso, chiamato "Ponte dell'Arcobaleno".

Quando muore una bestiola che è stata particolarmente cara a qualcuno, questa bestiola va al ponte dell'arcobaleno.

Ci sono prati e colline per tutti i nostri amici tanto speciali così che possano correre e giocare insieme.

C'è tanto cibo, acqua e sole, ed essi sono al caldo e stanno bene.

Quelli che erano vecchi e malati sono ora forti e vigorosi. Quelli che erano feriti o
storpi sono di nuovo integri e forti, come noi li ricordiamo nel sogno dei
giorni e dei tempi passati.

Sono felici e contenti, tranne che per una piccola cosa: ognuno di loro sente la mancanza di qualcuno molto amato, qualcuno che hanno dovuto lasciare indietro...

Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi improvvisamente si ferma e guarda lontano, verso l'orizzonte.

I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l'impazienza: tutto ad un tratto si stacca dal gruppo e comincia a correre, volando sul verde prato, sempre più veloce.

Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme, vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia, per non lasciarvi più.

Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso; le tue mani accarezzeranno di nuovo l'amata testolina e fisserai ancora una volta i suoi fiduciosi occhietti, per tanto tempo lontano dalla tua vita ma mai assente dal tuo cuore.

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information