Never Sky PDF Stampa E-mail
Scritto da Monia Iori   
Mercoledì 26 Dicembre 2012 00:36

 

NEVER SKY di VERONICA ROSSI 

 

"Never Sky", primo volume della trilogia distopica "Under The Never Sky" ed esordio narrativo dell'autrice americana Veronica Rossi, è un romanzo intenso e primitivo, che mi ha trasportata in una realtà cruda e violenta, a metà tra un futuro disastrato e post-apocalittico e un medioevo moderno, dove la sopravvivenza è tutto ciò per cui si combatte.

I protagonisti della storia sono Aria e Perry, nemici per natura che il caso fa incontrare e diventare amici inaspettatamente. Aria è una ragazza che vive a Reverie, una delle Biosfere che gli uomini hanno creato per rifugiarsi dalla distruzione causata dalle tempeste di Etere e dalla devastazione del mondo. È una Stanziale e, come i suoi simili, indossa perennemente l'Iride, un dispositivo computerizzato che si attacca all'occhio e permette di avere accesso ai Reami, mondi immaginari minuziosamente ricostruiti dove gli Stanziali hanno la possibilità di vivere a loro piacimento, saltellando da un'epoca all'altra, con la capacità di assaporare le sensazioni senza mai provarle realmente.

Quando Bliss, una delle Biosfere dove la madre di Aria lavora come ricercatrice, viene danneggiata e in parte distrutta da una tempesta di Etere, Aria rimane improvvisamente senza sue notizie e, nel tentativo di sapere qual è stata la sorte della madre, ma soprattutto se è ancora viva, si fa coinvolgere in una pericolosa bravata che finirà con un tragico incidente. Aria, però, riesce a salvarsi grazie all'intervento di Perry, che si è infiltrato nella Biosfera in cerca di cibo per il nipote malato.

Perry vive al di fuori delle Biosfere, in quella che viene chiamata "Fucina della Morte", è un Selvaggio, fratello del Signore di Sangue del Popolo delle Maree, e il suo obiettivo principale è salvare suo nipote Talon dalla malattia e dalla morte. Perry è un Segnato, cioè una persona con uno dei sensi più sviluppato, ed è quindi molto importante per gli Outsider che, grazie all'utilizzo di queste stupefacenti capacità, possono sperare di vivere meglio e più a lungo; in particolare, Perry è ancora più prezioso in quanto possiede ben due sensi: l'olfatto e la vista. È un Sagace che riesce a sentire gli odori -persino quelli emanati dalle emozioni- e un Veggente che riesce a vedere ogni particolare (soprattutto di notte, qualità rarissima).

Dopo che Aria, a causa dell'incidente che ha provocato indirettamente, è cacciata da Reverie e abbandonata nella Fucina della Morte, incontra nuovamente Perry, che si è autoesiliato dalle Maree, e, nonostante la reciproca avversione, i due stringono un patto: Perry aiuterà Aria a ritornare a Reverie se lei lo aiuterà a ritrovare Talon che è stato rapito dagli Stanziali. Inizia così un viaggio rischioso e crudele attraverso un mondo distrutto dall'Etere e colmo di pericoli, dove l'unica certezza è la morte e dove Aria imparerà cosa significa provare delle vere emozioni.

"Never Sky" è un romanzo diverso dai soliti young adult, una storia viscerale dove non c'è spazio per banalità, distrazioni o superficiali giochi emotivi, perché ogni minuto di vita in quel mondo è più prezioso di qualsiasi altra cosa. Mentre leggevo, ho avuto l'impressione costante di avere tra le mani un libro che fosse solo in parte distopico, un libro che si divide a metà tra il futuro e la storia. Infatti, la scissione in Biosfere e Fucina della Morte sembra quasi un'alternanza tra futuro e passato; nelle Biosfere la realtà è governata pesantemente dalla scienza e dalla tecnologia, mentre nella Fucina della Morte la vita è arretrata, quasi ci trovassimo in una sorta di medioevo cruento con Signori e sudditi, duelli e giuramenti di fedeltà. È stata proprio questa dicotomia strutturale ad avermi affascinata maggiormente durante la lettura, l'esistenza di queste due realtà opposte che altro non sono che l'estensione delle personalità profondamente differenti di Aria e Perry.

L'ambientazione creata all'autrice mi ha lasciata completamente senza parole per lo stupore. La complessità di questo mondo, architettato senza sbavature o incongruenze, mi ha permesso una totale immersione mentale nella storia, tanto che a volte ho creduto di indossare anch'io l'Iride e di vivere in due dimensioni contemporaneamente. La Rossi ha inventato dei dettagli che hanno reso questo mondo autentico e storico, come il ricordo di un tempo remoto (eppure recente) davvero esistito.

La narrazione è in terza persona con capitoli alternati che raccontano la storia dal punto di vista di Aria e Perry e devo dire che questa costruzione mi è piaciuta molto sin dall'inizio (non ho avuto difficoltà ad entrare nella storia, anzi, mi sono immediatamente ambientata), poiché mi ha permesso di conoscere approfonditamente i pensieri, i sentimenti, le emozioni e le reazioni di entrambi. Il tono conferito al romanzo dallo stile ruvido, crudo e descrittivo di Veronica Rossi è innegabilmente serio, quasi solenne in alcune parti, e realistico, sorretto da una trama solida e concreta e da un linguaggio sciolto che scorre senza intoppi. Le descrizioni dell'ambiente (soprattutto quelle della natura incontaminata che si è estesa sulla terra), dei suoni, degli odori, dei sapori sono un punto di forza del romanzo, perché circondano il lettore e lo catapultano all'interno dello scenario selvaggio e duro che caratterizza l'intreccio. Infatti, mi è sembrato di avvertire sulla pelle le stesse sensazioni che sentivano Aria e Perry, lo stesso freddo, la stessa paura, la stessa solitudine universale; questo stile aspro che mostra le sensazioni attraverso delle immagini mi ha colpito e ammaliato, anche se, in alcune scene dove non manca la violenza o in quelle di caccia, mi ha lievemente impressionato per la sua schiettezza e durezza.

Aria e Perry sono due protagonisti incredibili. La Rossi li ha delineati così intensamente e dettagliatamente che mi sembra quasi di conoscerli. Entrambi coraggiosi (anche se in modi diversi), entrambi feriti dalla realtà, entrambi con un enorme peso tragico sulle spalle... mi hanno travolta e ne sono ben felice. Ma il personaggio che amo di più è Roar, il migliore amico di Perry, un Auscultante (cioè con il senso dell'udito più sviluppato) innamorato di Liv (sorella di Perry), un ragazzo divertente e pieno di energia, fedele e leale, spavaldo, intelligente, spiritoso, una figura intrisa di luce in netto contrasto con quella di Perry, forgiata soprattutto da ombre e chiaroscuri.

La storia d'amore tra Aria e Perry mi ha fatto sospirare per tutto il tempo, non vedevo l'ora che arrivasse la svolta decisiva perché ero in trepida attesa, però quando è sbocciata mi ha un pò delusa. Tutto il pathos emotivo che mi ha tenuta con il fiato sospeso, infatti, mi è sembrato essersi esaurito con l'evoluzione e la crescita definitiva dei loro sentimenti. È una storia d'amore dolceintensa e adulta, ma c'è un fattore che mi ha infastidito: la quasi immediata rassegnazione all'addio inevitabile. Aria e Perry si arrendono immediatamente davanti all'impossibilità della loro storia, come fosse una certezza alla quale non possono minimamente opporsi; è vero che entrambi hanno doveri importantissimi, ma come hanno deciso di combattere per il bene comune, dovrebbero lottare anche per il loro amore. Ovviamente, questo è il primo libro della trilogia, quindi mi aspetto un'evoluzione nei prossimi romanzi, tuttavia, ciò non toglie che per questo motivo c'è stato un calo di gradimento, da parte mia, nei confronti di Perry. Roar non si sarebbe mai arreso o rassegnato a priori!

"Never Sky" è un fantastico e originale romanzo d'esordio, un libro che consiglio con tutto il cuore, soprattutto a coloro che vogliono una lettura young adult avventurosa che racconti qualcosa di più di una storia d'amore e vogliono immergersi in un mondo pericoloso e selvaggio!

 

 

Monia Iori  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore: Veronica Rossi

SBN: 9788845425158

Pagg. 350 - Euro 17.00

Editore: Sonzogno

Collana: Romanzi

Genere: Narrativa

Anno: 2012

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information