Frammenti al femminile PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinzia Baldini   
Domenica 15 Marzo 2009 21:45

"FRAMMENTI AL FEMMINILE" di KARINA ANDREA OLIVERA

 

È un commento che devo fare subito, appena terminata la lettura altrimenti so che non lo farò più… rimarrei a fissare il libro appena chiuso e tornerei ancora a riaprirlo e a rileggere uno, due, dieci volte questi Frammenti intensi e per molti versi sconvolgenti, di vita vissuta. Intensi perché in ognuno di essi è racchiusa un’esistenza e sconvolgenti perché come dice l’autrice sono episodi realmente accaduti e che lei con una sensibilità non comune ha fermato nelle pagine del suo libro.
Non c’è un racconto più bello dell’altro, non c’è un racconto più dolce o malinconico dell’altro, sono tutti racconti forti e pieni di emozioni, ma non delle solite emozioni a cui ormai sono stata abituata dalla lettura di lavori contemporanei, le emozioni che Karina mi ha fatto provare sono emozioni vere, di madre, di moglie, di figlia e soprattutto di donna. Ci sono la rabbia e lo sdegno che mi ha procurato la lettura della storia di Tita, c’è la sensazione di impotenza e di disperazione nell’Ultima Lettera, c’è l’intensa commozione che ho provato leggendo Buono come il pane! O l’odio profondo che mi ha ispirato Vite distrutte, per non parlare dell’immensa pena del Paradiso dei perdenti. È stato un susseguirsi di stati d’animo contrastanti, di sensazioni avvolgenti, vorticose e vigorose che mi afferravano ad ogni racconto e che accumulandosi, alla fine della lettura, mi hanno lasciata come ubriaca, stordita, spossata e con tanta voglia di riflettere su quello che avevo letto. Spesso, infatti, la mia coscienza, come quella di tanti altri, preferisce ignorare, delegare, non affrontare facendo finta che non esistano o deviare in tutt’altra direzione quei discorsi o quelle problematiche che ci rendono reietti e ultimi tra gli esseri viventi.
L’ultimo racconto: Diario di una mamma, è quello della nascita della figlia dell’autrice e le parole da lei usate per raccontare le fasi della gestazione e del parto sono bellissime e accarezzano il cuore proprio come lei ha carezzato la testolina della sua bimba appena nata. Tutto il brano è un inno all’amore materno e alla speranza, le parole volano leggere come in una melodia dolcissima, quasi una ninna nanna. L’augurio che la mamma invia alla sua creatura che si è affacciata alla vita e che già così duramente la sta mettendo alla prova, con dei versi sgorgati direttamente dal cuore, è quello di vivere una vita serena, piena di amore e di felicità e questo è l’augurio a cui mi unisco stringendo al petto questi Frammenti al Femminile.
La lettura del libro passo dopo passo, di storia in storia, avanza scorrevole. I racconti si dipanano chiari sotto gli occhi del lettore mentre i vocaboli usati, gli aggettivi, i verbi scelti con cura rendono ancora più preziosi questi frammenti di vita che intrisi di profonda e vulnerabile umanità mi sono scesi nell’anima e credo che lì rimarranno a lungo o forse non se ne andranno più via…
Complimenti a Karina e grazie infinite per questo piccolo, grande capolavoro che ha lasciato alla nostra lettura, ma ancora di più mi sento di doverla ringraziare perché senza atteggiarsi a maestra, ma con modestia e immensa saggezza mi ha dato una grande lezione di vita.

 

CINZIA BALDINI

 

Autrice: KARINA ANDREA OLIVERA
Pagg.: 110
Prezzo: € 12,00
ISBN 9788863280029
Edizioni AKKUARIA
Collana “Lo Specchio di Akkuaria”
Pubblicato nel 2008
Genere NARRATIVA: raccolta di racconti


 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information