La lucertola PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinzia Baldini   
Lunedì 01 Ottobre 2018 02:48


LA LUCERTOLA di GIUSEPPE NOVELLINO

 

“La lucertola” il nuovo libro dell’autore Giuseppe Novellino (Linee Infinite Edizioni) è un romanzo piacevolissimo che può essere gustato “liscio”, ossia letto in un sorso per godere appieno il gusto del thriller, oppure centellinato per assaporarne meglio ogni particolarità descrittiva e le sfaccettature emotive celate nei suoi paragrafi.

L’inizio, apparentemente statico, viene apprezzato immergendosi nella lettura. Con il progredire della storia, infatti, ci si rende conto che è una scelta indovinata. Uno stratagemma dell’autore utilizzato per creare, già dalle prime pagine, la giusta e bilanciata aspettativa nel lettore. Un’apparente partenza “tranquilla” con una “marcia ridotta”, un temporeggiare virtuoso, un rimanere sul vago per confondere le acque e depistare chi legge al fine di lasciargli il tempo di domandarsi se “La lucertola” sia una specie di diario personale o magari una serie di racconti di viaggio. Quando si è sul punto di preferire l’una o l’altra possibilità ecco la sorpresa! Non è né l’uno né l’altro, anzi sono entrambe le supposizioni insieme a molto, molto di più.

Addentrandosi nelle pagine ci s’identificherà con Alberto, il protagonista, si suderà al calore del sole estivo del meridione e, soprattutto, si rivivranno insieme a lui profumi, sapori e paesaggi di un mondo bucolico e contadino di cui solo pochi eletti possono ancora godere.

Sfido il lettore a non provare, com’è accaduto a me, tanta nostalgia per quei modi gentili e garbati di un tempo lontano, di non ritrovarsi in tutte le descrizioni delle vacanze estive del giovane Alberto e di sua sorella, di zia Celeste e dei suoi manicaretti, delle chiacchiere di paese e delle ritrovate amicizie. Chi ha avuto la fortuna di vivere quanto narra il Novellino non può non rimpiangerle e commuoversi al ricordo.

Personalmente ho anche "odiato" Alberto perché mi ha messo davanti ad una verità che vuoi per il tran tran quotidiano, vuoi per esorcizzarla ho spesso, volutamente, ignorato: la maledizione del tempo. Esso, padrone delle nostre vite, trascorre inesorabile e mentre noi indugiamo, lui, si porta via persone, ricordi, affetti, gioventù e sogni...

Ciliegina sulla torta e che pone “La lucertola” a pieno titolo nella categoria dei thriller, anzi nel genere del giallo italiano perché ambientato nel nostro Paese, nella bellissima e verde Irpinia, è la storia di Rachele che, oltre a movimentare ulteriormente la trama, rende il romanzo intrigante e davvero avvincente.

Tutta la vicenda di questa donna è una continua sorpresa che l’autore ha saputo gestire in maniera abile, dosando gli eventi in modo da assicurare il giusto pathos e gli “effetti speciali” per il piacere di chi legge.

Indovinati anche gli inserimenti dei colloqui telefonici di Alberto con la moglie che servono a spezzare il ritmo serrato del giallo che si va delineando man mano che il protagonista fa luce sulla triste esistenza di Rachele.

Insomma, un volume appetibile e leggibile, ottimo sotto ogni aspetto e altro punto che assegnerei a favore del Novellino va al suo stile semplice e incisivo. E’ un autore che non si perde in chiacchiere inutili, in fronzoli o orpelli letterari che appesantiscono i paragrafi, ma è dotato di una scrittura fluida e meravigliosamente descrittiva. Racconta, insomma, senza dispersione, i fatti, dipingendoli con pochi tratti forti e chiari.

Al pari di me, vi chiederete: che ci azzecca il titolo "La lucertola" per un romanzo giallo e che scivola leggero tra passato e presente? Bene, la risposta è: il titolo è indovinatissimo, leggetelo e scoprirete il perché!  

 

 

Cinzia Baldini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information