Piani incrociati PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinzia Baldini   
Mercoledì 21 Febbraio 2018 01:03

 

PIANI INCROCIATI di NICOLA LOSITO

 

Nicola mi ha proposto di introdurre Piani incrociati ed io ho accettato con gioia. Come avrei potuto rifiutare di scrivere la prefazione al libro di un prezioso amico di penna e calamaio quale ritengo sia Nicola? Ma ora, bando alle ciance e passiamo a Piani Incrociati.

Il lettore non si faccia trarre in inganno dal titolo perché in questo lavoro non troverà alcun teorema matematico, né formule algebriche ma solo semplici ed intense geometrie emozionali.

Le suggestioni, i sentimenti, le paure, la gioia, il dolore, tutto trova una collocazione in un preciso Piano emotivo che l’autore Incrocia secondo la sua sensibilità in una ricca trama di personaggi deliziosamente umani e in situazioni piacevolmente agrodolci.

Con il suo metro da artista Nicola osserva il mondo che lo circonda e ne cattura gli aspetti più pittoreschi come nel racconto “Candomblè” o in “Gente di Massa” e li riversa sulla carta creando piccoli quadri dai colori vivaci e accattivanti. Invece, dall’introspezione delicata e attingendo ai ricordi la sua “scioltezza di penna” ci regala brevi e toccanti scorci di vita, mi riferisco in particolare a “Francesco mio” o a “Bisce d’acqua”.

E mentre la scrittura scorre fluida liberando i pensieri, si fa più intensa la ricerca di quei valori che danno un senso all’esistenza.

“Una bella scoperta” ci racconta Nicola, ma per noi, attraverso i suoi lavori, è una bellissima riscoperta. Come commovente è l’apprezzamento per le piccole cose che danno ad ogni attimo della vita un significato particolare e tutte insieme la rendono degna di essere vissuta. Sto pensando a “Il Compagno di stanza”.  

Tanti racconti, alcuni calati nella quotidianità, altri in una dimensione onirico-fantastica, tante situazioni, paesaggi, contesti diversi e a volte spiritosi ma accomunati da un unico denominatore: l’uomo con i suoi sogni, le sue speranze e le sue paure, i suoi limiti e i suoi infiniti orizzonti. Insomma l’uomo con la sua umanità.

L’immediatezza della parola, la costruzione corretta delle frasi, la puntualità dei dialoghi, l’approfondita analisi psicologica, il gusto di scoprire il dettaglio ed ingrandirlo per caratterizzare il personaggio o la scena fanno di Piani Incrociati un libro che lascerà al lettore un sorriso sulle labbra e la gratitudine verso Nicola per averci offerto queste bellissime pagine.

 

 

Cinzia Baldini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information