Storie della pignatta PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Pina Ciancio   
Mercoledì 04 Ottobre 2017 01:18

 

 

STORIE DELLA PIGNATTA di GINA LABRIOLA

 

 

Bolle e ribolle la “pignatta” di Gina Labriola, proprio come fosse ancora piena di “cotica e fagioli” tra i tizzoni e la cenere del vecchio focolare di zia Capitolina. E dalla sua pancia tutta nera e scrostata dal fuoco, quasi come per un incantesimo della vecchia zia “megera”, ecco balzar fuori gli allegri e divertenti racconti dell’ultimo suo libro per ragazzi: Storie della Pignatta. Sono aneddoti, ricordi e fatti d’altri tempi a cui si mescolano toni fiabeschi e leggendari, intessuti dal filo della memoria, dalla fantasia e dalla voglia di divertire e divertirsi raccontando. Ma, incominciamo da capo -come direbbe Gina- e cerchiamo di capire la magia di questa sua ultima pubblicazione tutta lucana. Filo conduttore del libro, le storie di zia Capitolina e zio Giosuè, personaggi tanto reali, quanto fantastici, lei vecchia e allegra “megera”, lui vecchio avvocato brontolone in un irriducibile dualismo e costante contrapposizione degli opposti. Ed è proprio facile cedere al fascino accattivante dei due vecchietti chiaromontesi che Gina osserva, ascolta e accompagna con occhietti curiosi di bambina. La sua complicità con la zia Capitolina, le liti tra i due anziani coniugi sono arricchite dalle storie di “Dirce e Nicodemo, Chiuccio e le tre sorelle, Liborio e Gigino, la gattina bianca con la coda ritta, quell’altra gatta vanitosa col rossetto e il “bianchetto” e poi gli angioletti smarriti, gli “scattabotta” e infine il suo fraterno amico: “il monaciello”. Lunghe e colorite storie che accompagnano il destino vagabondo della scrittrice da un paese all’altro della terra, grazie all’insolito e inconsueto dono di zia Capitolina: la vecchia pignatta di creta mezza rotta e sghemba. All’inizio solo un ingombrante cimelio, poi… la magia! Basta accarezzare la sua pancia e le storie si animano, prendono forma, i personaggi ritornano reali tra quel buon vapore di aglio, origano e rosmarino e il rumore del coperchietto di latta che a uno sbuffo più forte scivola nella cenere del focolare. Libro coloratissimo, ventaglio di stupori e di emozioni, vincitore del Premio Letterario di Narrativa Corbisiero, è lo specchio di una terra di magie e di incantesimi, di burle e drammi che riesce a divertire in egual modo grandi e piccini.

(G. Labriola, Storie della pignatta, Il Grappolo, Mercato S. Severino 2001)

 

 

Maria Pina Ciancio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information