Le storie della salamandra PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Novellino   
Martedì 26 Novembre 2013 00:01

LE STORIE DELLA SALAMANDRA di PAOLO DURANDO
 
 

Si tratta di un libro di fantascienza. Potrebbe però deludere il lettore semplice, quello che ama l’avventura fine a se stessa.

Offre quattro racconti che con la fantascienza hanno tutto a che vedere. Comunque devono essere letti con particolare attenzione e pazienza. Sì, perché  densi significati esistenziali rimangono impigliati in trame a volte complesse, e vengono rivelati con parole accuratamente scelte e concatenate in un discorso che ha del filosofico. Si tratta pur sempre di una lettura affascinante, accessibile non esclusivamente al lettore dotto ma anche a quello modesto, che sia però sorretto dalla buona volontà e dal desiderio della ricerca. Una lettura corposa, insomma, che unisce la meraviglia al bisogno di riflessione.

L’opera è basata su quattro racconti dove la fantascienza in senso schietto, lo ripeto a scanso di equivoci, la fa da padrona. Se non altro per i suoi bellissimi scenari futuribili e i riferimenti a incredibili tecnologie.

Nel primo, “L’unico”, abbiamo una situazione classica: quella dell’ultimo e solitario individuo sopravvissuto alla sua civiltà. Più che un’articolata narrazione, è una sorta di elucubrazione a ruota libera, che rievoca dimensioni affascinanti e misteriose attraverso un linguaggio ricercato, destinato a diventare protagonista della vicenda.

Il secondo racconto, intitolato “Amore con varianti”, presenta un intreccio davvero accattivante. Coinvolge personaggi che hanno a che vedere con le pieghe del tempo, o meglio, con il mistero degli universi paralleli, dove le vite si susseguono in un mirabolante gioco di specchi.

Altrettanto movimentato è “Francesco uomo”, il terzo racconto, dove viene ripreso il tema del primo con uno scenario più dettagliato: una città che tiene prigioniero l’unico uomo esistente, gli fornisce tutti i servizi e poi gli fa fare un’esperienza davvero allucinante. La quale teniamo in sospeso per non guastare il piacere della lettura. È un racconto che richiama la mitica serie degli anni ’50: “Ai confini della realtà”.

In “I Molteplici” torna a farla da padrone il tempo.  Vi si immagina l’esistenza di un’incredibile unione tra persone disseminate lungo il percorso della storia, dall’antica Roma al nostro futuro. Il loro incontrarsi produce un vero e proprio viaggio temporale, quanto mai inquietante perché spogliato di quella fisicità un po’ banale della macchina del tempo.

Che cosa ci propone, Paolo Durando, con queste quattro storie di intrigante fantascienza? Direi una bella riflessione sul senso del nostro precario esistere, sul bisogno di sapere chi siamo, sulla vertiginosa esperienza della nostra fragilità di fronte all’immensità del tempo e dello spazio. Nel leggerle, mi sono venuti in mente due autori a me cari: Richard Matheson e Philip K. Dick. Il primo con la sua ossessione per lo sdoppiamento; il secondo con l’ansia di trovare il confine tra il reale e il non reale, tra l’essenza delle cose e il loro apparire.

L’autore del presente libro fa un’operazione che, nell’impostazione, richiama l’opera dei suddetti autori. Il suo narrare è di sapore filosofico, a volte intimistico e spiazzante. La parola è attentamente ricercata, usata in maniera sovrabbondante, come a dimostrare che l’esistenza è un caleidoscopio indefinibile, nel quale siamo irrimediabilmente persi. 

Ed ecco svelato il mistero del titolo. La salamandra è un animale strano e misterioso. Simboleggia la rigenerazione e la capacità di vincere il potere distruttivo del fuoco. Chi legge questi quattro racconti ha infatti la sensazione che tutto sia parte del tutto, in un susseguirsi di apparenze che si dissolvono e si rigenerano, rimandando all’essere che, unico, comunque esiste, contrapponendosi al nulla.

 
 
Giuseppe Novellino 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: Paolo Durando
Pagg. 125 - Euro 4,99
Editore: Abel Books
Genere: Racconti di fantascienza
Anno: 2012 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information