Carne Innocente PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimiliano Magnano   
Giovedì 28 Marzo 2013 00:24

 

CARNE INNOCENTE di LAURA COSTANTINI E LOREDANA FALCONE 

 

Il romanzo Carne innocente (Historica edizioni, 2012) dodici capitoli, prologo e epilogo racconta anzitutto la storia di Elide, la cui figura si staglia ben al di sopra e al di là di tutte le altre. Il resto del racconto si svolge quasi completamente a Roma nell’agosto afoso del 2011; la vita di Elide, invece, è rimasta irrimediabilmente altrove, anche quando è scampata alle efferatezze del campo di concentramento. Sopravvissuta al male subito e ai suoi stessi aguzzini, che pure le hanno strappato a viva forza la speranza, Elide non soffre per se stessa, ma soffre per gli altri: un figlio non suo, una vita che non le appartiene, un’altra vita che invece si è rifiutata di vivere. Un’altra donna venuta anch’essa letteralmente da un altro “mondo”, Rachel, è la sostanza di molte pagine del romanzo, le cui vicende la conducono a Roma nel mese di agosto del 2011. Tragico, l’epilogo della sua esistenza dà l’abbrivo alle indagini della polizia, che creano un contrappunto narrativo con le loro faccende private e con la loro lingua sbrigativa, troppo sbrigativa rispetto alle vicende storiche e di cronaca che loro malgrado si trovano a vivere. Qualche volta anche a dipanare, nel tentativo di comprendere e spiegare quello che in realtà non si lascia affatto spiegare. Persino la storia d’amore tra Giorgio e Giovanna subisce lo stesso processo di degradazione, inducendo i due giovani a rinunciarvi senza mai avervi provato davvero. Un nugolo di personaggi, quindi, anima le pagine di questo libro, concepito, meditato, scritto a quattro mani da Laura Costantini e Loredana Falcone. La differenza tra Elide e gli altri sta tutta nella disponibilità ad affrontare il dolore: un dolore vero, enorme, sovrumano, che a tratti si fa lancinante, insostenibile. Fino alla sconfitta finale. Ed effettivamente sarà proprio il fardello di questa sofferenza a segnare la distanza tra l’inizio e la conclusione di questa storia, totalmente agli antipodi: nel tempo e nello spazio. Una distanza che segna anche la differenza tra chi semplicemente decide di vivere e affrontare con fermezza le proprie angustie, le proprie pene e chi invece si accontenta di trovare facili conferme alle convinzioni di sempre. Il confine che c’è tra la vita e la morte è invece sottilissimo, labile, quasi inesistente. La morte accomuna tutti: chi vive fino in fondo il male del suo tempo e chi a tutto questo oppone un netto rifiuto. Certo, è il caso di dirlo, chi più e chi meno consapevolmente.

 

 

Massimiliano Magnano

 

 

 

 

 

 

Disponibile su Libreria Universitaria

http://www.libreriauniversitaria.it/carne-innocente-costantini-laura-historica/libro/9788896656563?a=415021

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information