La ragazza delle arance PDF Stampa E-mail
Scritto da Roberto Baldini   
Martedì 02 Ottobre 2012 00:50

 

LA RAGAZZA DELLE ARANCE di GAARDER JOSTEIN

 

 

 

Un amore dolce e aspro...

Arance. Con quel bel colore acceso. Dolci. A volte un po’ aspre. Ma sempre deliziose. L’amore è un po’ come loro. A volte ne sei deliziato. Altre volte l’espressione rivela il nostro disappunto.

Georg ha quindici anni. Ha una vita normale. Come tanti suoi coetanei. Un giorno trova una lettera. Gliel’ha scritta suo padre. Poco prima di morire. Georg era ancora un bambino. Praticamente non l’ha mai conosciuto. La lettera era nascosta in una piega del suo passeggino. In questa lettera gli racconta della ragazza delle arance. Una ragazza come tante. Incontrata, con l’aiuto del destino, su un tram di Oslo. La perde di vista. Per un istante. Ma sarà un istante che gli cambierà la vita.

Non la trova più. La cerca. In lungo e in largo. Si mancano sempre per un soffio. Ricorda vagamente il film con Gwyneth Paltrow, Sliding Doors. E’ proprio vero, a volte un battito di ciglia può sconvolgerti l'esistenza.

Ma all’amore, si sa, piace giocare. Ma non per troppo tempo. E, alla fine, la ragazza delle arance si farà trovare, e così…

Un libro trovato per caso. Molte, moltissime cose della vita accadono senza volerlo. E la maggior parte delle volte, sono proprio più belle. Così è stato per questo libro. Non ricordo perché mi ha incuriosito, ho iniziato a leggerlo quasi per gioco e mi sono trovato catapultato in un mondo in cui l’unico padrone era uno: l’amore. Per un appassionato come me è stato decisamente un invito indeclinabile.

Una storia semplicissima. Un piccolo equivoco che farà scoprire a voi e al protagonista di questa incredibile avventura che l’amore è davvero dietro ogni angolo e se non lo troviamo sarà lui che verrà a trovarci. Una vicenda dolce e frizzante capace di dispensare emozioni che vi aiuteranno a dimenticare, almeno per il tempo della lettura, il tran tran quotidiano.

Uno stile narrativo che vi prenderà per mano e non vi lascerà sino alla fine. Però qualcosa vi rimarrà: il senso di vuoto per esser giunti alla fine di una storia coinvolgente e un sorriso che salirà dritto dal cuore.

 

 

Roberto Baldini

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information