Borgo Propizio PDF Stampa E-mail
Scritto da Salvo Zappulla   
Mercoledì 12 Settembre 2012 00:11

 

BORGO PROPIZIO di LOREDANA LIMONE 

 

In questo periodo frenetico di romanzi di genere: thriller, gialli, storie cruente di sangue, delitti efferati e sfumature varie di grigio che imperversano a spartirsi i resti di un mercato editoriale sempre più in crisi  di identità, leggere il romanzo di Loredana Limone (Edizioni Guanda (Narratori della Fenice), pagg. 280, €. 16,50) equivale a sedersi all’ombra di una palma e godersi una ventata di aria ristoratrice. Un libro di letteratura, genuino, autentico, godibilissimo, infarcito da contagiosa ironia, con le sua belle metafore e la scrittura che scorre fluida a deliziare il palato del lettore. Borgo Propizio sembra collocato in un contesto dove lo scorrere del tempo non esiste, un candore magico lo pervade, i suoi protagonisti mantengono una purezza che mi riporta alle letture adolescenziali (Tolkien per esempio). Anche qui ci sono tesori nascosti, un anello misterioso trovato in una vecchia scarpa murata, insieme a una mappa del tesoro. E pare che l’anello abbia un valore inestimabile, risale al milleseicento ed è stato ripreso dal quadro di un importante pittore fiammingo. Ma è rubato e si preannunciano guai. I personaggi di questo romanzo sembrano usciti da una commedia pirandelliana, tratteggiati con pennellate d’artista, umili e complessi nella loro semplicità, quasi indefiniti, perennemente alla ricerca di un’identità stabile. Fanciulle che si mantengono illibate in attesa del matrimonio. E poi Ruggero, che non ha studiato ma custodisce patrimoni di saggezza, ha una forza straripante, la semplicità del contadino che non si piega e non si spezza; non sa coniugare i verbi ma sa fare tante altre cose ed ha un animo nobile, una pazienza infinita che utilizza per sopportare due genitori bisbetici. È un uomo d’oro Ruggero, da sposare senza indugi. Mariolina lo sa bene. È un uomo che avrebbe potuto conquistare il mondo Ruggero, se solo avesse… Non conosceremo mai le sue potenzialità inespresse ma ci fa sognare, ci ricorda che nulla è precluso quando si ha determinazione. Alberi, botteghe, paesaggi incantati, progetti da realizzare.

Pettegolezzi, gioie e dolori che si rincorrono. È un luogo dell’anima Borgo Propizio, il posto migliore dove andare a vivere. E pazienza se nessuno si fa i fatti suoi e tutti sanno tutto di tutti. C’è tanto calore e solidarietà.  Uno spaccato di umanità, una fiaba ricca di colori, suoni e profumi che ci restituisce il piacere della sana lettura.

 

 

 

 

 

 

Loredana Limone (Napoli, 1961) ha pubblicato libri gastronomici e per bambini. Ha ideato e conduce il laboratorio di scrittura creativa “Sapori letterari” di cui ha curato l’antologia omonima, con la prefazione di Allan Bay. Borgo Propizio è il suo primo romanzo.

 

 

Salvo Zappulla

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information