Lo sguardo di Carola PDF Stampa E-mail
Scritto da Salvo Zappulla   
Lunedì 06 Dicembre 2010 00:04

  LO SGUARDO DI CAROLA di MATTEO POLETTI

 

Una torbida storia di provincia, delitti che si consumano a breve distanza di tempo forse a opera  della stessa mano. Una giovane donna, bella e intraprendente, estremamente determinata a far luce sull'omicidio della zia, decide di sostituirsi alle Forze dell'Ordine e avvia le proprie indagini. Ben presto diventerà la protagonista principale di tutto il romanzo. Chi ha ucciso Aurora Grandis? Quali misteri si celano nella villa degli orrori? Passioni che si intrecciano, destini che si incrociano. La storia d'amore finita male tra una esuberante  modella e un pittore famoso dal fascino ambiguo, così ambiguo da far pensare a un uomo dalla doppia personalità, brillante nella vita, cupo nella sua espressione artistica. Matteo è stato capace di costruire personaggi profondamente reali che il lettore difficilmente riuscirà a dimenticare. Si è inventato un nuovo movimento pittorico: il “Cupismo”,  con il quale identifica chiaramente uno degli “eroi” meglio riusciti, il pittore Valentino Mandelli. E la sua arte. Ci sono tutti i migliori ingredienti: piccoli dettagli disseminati quasi per caso nel corso del romanzo, uno stile narrativo affascinante e intrigante, teneri pennellate descrittive, una robusta trama criminale che lega l'incipit all'ultima pagina del romanzo. Un senso di angoscia  aleggia per tutta la durata del testo tenendo il lettore con il fiato sospeso, e le frasi sinistre di  Cesare Pavese, intercalate spesso, diventano una funebre litania, come rintocchi di campana a mezzanotte:  Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, questa morte che ci accompagna, dal mattino alla sera, insonne, sorda, come un vecchio rimorso o un vizio assurdo...”.  Matteo Poletti è al suo esordio letterario (Lo sguardo di Carola, Terza pagina edizioni, pagg.155, € 15,00)  ma possiede la malizia del veterano giallista. D'altra parte se  questo testo ha vinto  il primo  premio de “L'Indizio Nascosto”, superando le Forche Caudine di una giuria estremamente qualificata, che comprendeva i migliori esperti del settore,  non mi sorprende sia destinato ad avere successo.

  

Salvo Zappulla

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information