L'Orologio di cenere PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinzia Baldini   
Lunedì 03 Agosto 2009 11:05

L’OROLOGIO DI CENERE DI ALDO MOSCATELLI

Non so se per Aldo Moscatelli "l’Orologio di cenere" sia stato il romanzo d’esordio, se è così onore al merito perché è un’opera coi fiocchi! A prescindere da ciò, e dopo averlo letto, a mio modesto avviso, questo lavoro non sfigurerebbe affatto accanto ai più affermati autori di thriller nazionali e internazionali.

"L’Orologio di cenere" è un giallo originale e avvincente in cui la trama, gli intrecci, i colpi di scena si susseguono con un ritmo intenso e serrato e vengono sottoposti, dall’abilità del Moscatelli, in maniera impeccabile al giudizio del lettore.

L’approfondimento psicologico/emozionale dei protagonisti e l’ambientazione adeguata, supportano in modo eccellente la storia e ne permettono una presentazione assai convincente e realistica. Garanzia, questa, a chi legge, della piena partecipazione all’avventura.

La foschia sapientemente costruita per rendere fumoso il passato del protagonista principale, l’investigatore privato River Crane, sortisce nel lettore l’effetto contrario: si vorrebbe sapere di più, si vorrebbe leggere oltre quei brevi flash di memoria che dicono e non dicono, che sembrano fare luce su un passato che si intuisce sia stato doloroso e negativo ma di cui non si avrà mai la certezza assoluta, neanche alla fine del racconto. Insomma l’ex poliziotto Crane con i suoi burrascosi trascorsi non rimane una figura statica e anonima, un fallito dedito all’alcool che cerca in qualche modo di sbarcare il lunario. Saranno proprio i suoi vizi e i suoi difetti a portarlo sotto i riflettori e, capitolo dopo capitolo, non si può non apprezzare, nella sua disarmonia, questa figura così armonicamente costruita. L’atteggiamento sfacciato e menefreghista, il modo diretto, forte e deciso di porsi in rapporto con gli altri, il suo carattere quasi cinico e la logica schiacciante dei suoi ragionamenti, anziché renderlo ostico e scostante al lettore, fanno si che l’attenzione converga proprio su di lui. L’irriverente River Crane e i suoi due compari di sbronze del Blueroom in questo racconto diverrano i paladini della giustizia.

La narrazione in prima persona e lo stile espositivo sciolto e scorrevole, il linguaggio schietto e senza fronzoli sono la degna quadratura del cerchio. La storia complicata e intricata sembra, ad un certo punto, dover implodere in se stessa, invece con una tempistica puntuale e perfetta l’autore offre l’inattesa soluzione facendola deflagrare all’esterno in tutta la sua drammatica ma non impossibile realtà.

Una piccola parentesi personale a chiusura di questo commento estremamente positivo: in alcune descrizioni di luoghi o in particolari situazioni narrate dall’autore sono riuscita a percepire, forse a intravvedere, una delicatezza al limite del romanticismo che, da donna, ho apprezzato moltissimo, come molto ho anche gradito le descrizioni dei dettagli dei cadaveri, degli omicidi o delle autopsie scritte in maniera soft, rispettosa della sensibilità del lettore e mai truce e imbarazzante.

Un lavoro ottimo e da non perdere che mi sento di consigliare a tutti gli amanti del genere thriller e non.

 

CINZIA BALDINI

 

 

 

 

Autore: ALDO MOSCATELLI 

ISBN: 88-950868-00-9

Pagg. 134 € 8,90

Casa Editrice: I Sognatori

Anno 2006

 

Commenti

Mostra/Nascondi modulo commento.
 

Ricerca nel sito

Syndication

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information